Su “Il Mattino” del 14 novembre ho letto la notizia di due gemellini salvati nel grembo di una donna incinta di tre mesi ed affetta da un tumore molto aggressivo alle ovaie.

La sorte dei gemellini, abbracciati teneramente tra loro, sarebbe stata segnata senza l’esecuzione di questo delicatissimo intervento effettuato in laparoscopia.

Ed è un’eccellenza tutta Napoletana, perché l’intervento l’ha effettuato l’equipe del dott. Ciro Perone presso la clinica Sanatrix in via San Domenico.

Primo intervento del genere al mondo, ha permesso di asportare un ovaio e una tuba ormai compromessi  salvaguardando i due dell’altro lato per consentire alla mamma di portare a termine la gravidanza.

La laparoscopia, dal greco lapàra, addome, infatti permette di intervenire in maniera non invasiva usando la tecnologia di visione 3D.

La mamma e i gemellini stanno bene e la gravidanza è costantemente monitorata dai medici.

La sanità napoletana è soprattutto questa e affonda le sue radici in una lunga tradizione di eccellenza universitaria ed ospedaliera che ha visto la nostra città sempre primeggiare.

Complimenti al dott. Perone e alla sua equipe e tanti auguri alla mamma al papà e ai piccoli.

d.A.P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + quindici =