Fabio Strinati: “A Calogero Zucchetto”

Il poeta Fabio Strinati, pubblica su “Il Borbonico” una poesia inedita in memoria di Calogero Zucchetto.

Sono felice ed onorato di poter pubblicare sulle pagine on line de “Il Borbonico” un componimento inedito del poeta Fabio Strinati in memoria di Calogero Zucchetto, poliziotto siciliano ucciso dalla mafia il 14 novembre 1982. Vuole essere un modo semplice e sincero per ricordare un valoroso della nostra terra, a 36 anni dalla sua prematura scomparsa, ucciso, perché scomodo, da uomini della sua stessa terra che anziché proteggerla e valorizzarla, vigliaccamente continuano a ferirla a morte ancora oggi.

Breve introduzione

Si occupava di mafia Calogero Zucchetto, e in particolare collaborava alla ricerca dei latitanti che a quei tempi erano molto numerosi. All’inizio degli anni ottanta, presso la squadra Mobile della Questura di Palermo, collaborò intensamente con il commissario Ninni Cassarà alla stesura del cosiddetto “rapporto Greco Michele + 161” che tracciava un quadro della guerra di mafia iniziata nel 1981, dei nuovi assetti delle cosche, segnalando in particolare l’ascesa del clan dei corleonesi di Leggio, Riina e Provenzano. Riuscì a entrare in contatto anche con il pentito Totuccio Contorno soprannominato Coriolano della Foresta (come il protagonista del romanzo I Beati Paoli) e affiliato a Cosa Nostra nel 1975 che si rese molto utile con le sue confessioni per la redazione del rapporto dei 162. Infatti, nell’ottobre del 1984, seguendo l’esempio di Tommaso Buscetta, Contorno decise di intraprendere un percorso di collaborazione con la giustizia fornendo informazioni dettagliate sugli affari interni all’associazione mafiosa. Le sue testimonianze furono cruciali nel maxiprocesso contro la mafia siciliana di Palermo e nel processo denominato Pizza connection a New York, negli anni ottanta. Zucchetto, con il commissario Cassarà andava in giro in motorino per i vicoli di Palermo e in particolare per quelli della borgata periferica di Ciaculli, che conosceva molto bene, a caccia di ricercati. In uno di questi giri con Cassarà incontrò due killer al servizio dei corleonesi, Pino Greco detto “scarpuzzedda” e Mario Prestifilippo, che aveva frequentato quando non erano mafiosi. Questi lo riconobbero e non si fecero catturare. All’inizio del novembre del 1982, dopo una settimana di appostamenti, tra gli agrumeti di Ciaculli riconobbe il latitante Salvatore Montalto, boss di Villabate e braccio destro del boss Inzerillo, ma che poi passò dalla parte dei corleonesi, l’ala vincente della seconda guerra di mafia, di cui Inzerillo fu vittima  proprio grazie al contributo di Montalto, ma Zucchetto, essendo solo, e non avendo mezzi per arrestarlo rinunciò alla cattura, avvenuta poi il 7 novembre con un blitz di Cassarà. La sera di domenica del 14 novembre 1982, all’uscita dal bar “Collica” in via Notarbartolo, una via del centro di Palermo, fu ucciso con cinque colpi di pistola alla testa sparati da due killer in sella a una moto. Successivamente gli autori del delitto vennero individuati in Mario Prestifilippo e Pino Greco, gli stessi che aveva incrociato in motorino. Come mandanti furono in seguito condannati i componenti della “cupola mafiosa”, cioè gli appartenenti all’organo più importante di “Cosa Nostra”, Totò Riina, Bernardo Provenzano, Raffaele Ganci e altri.

A CALOGERO ZUCCHETTO

Anima dal valore immenso,
gli occhi accesi sul mondo
e quel doloroso vento tra i vicoli
di Palermo insanguinati,
 
che ti hanno
sottratto giovine gioviale sguardo
e aperto al cielo, uno squarcio oleoso,
profondo e sventurato.
 
Poliziotto d’altri tempi,
a caccia di delinquenti e scempi
spento troppo presto
da tuono mafioso, e un accidioso
lampo caduto sopra il tuo corpo esile,
 
che riecheggia (rumoroso ) ancor nel vento
quel suono oscuro, nefasto e miserabile.
 
 
FABIO STRINATI


Breve nota biografica dell’autore

Fabio Strinati ( Esanatoglia 1983 ) Poeta, artista visivo, compositore e fotografo.

Strinati è presente in diverse riviste ed antologie letterarie. Da ricordare Il Segnale, rivista letteraria fondata a Milano dal poeta Lelio Scanavini. La rivista Sìlarus fondata da Italo Rocco. La rivista letteraria e culturale italo-ungherese, Osservatorio Letterario – Ferrara e l’Altrove. La rivista Erba d’Arno diretta da Aldemaro Toni. La rivista Il Grandevetro. 

Sue poesie sono state tradotte in romeno e in spagnolo.

Scrive regolarmente testi poetici per Etnie, rivista di culture minoritarie ed è collaboratore del Diario 1984, periodico fondato da Pino Guastella.

È inoltre il direttore della collana poesia per le Edizioni Il Foglio e cura una rubrica poetica dal nome Retroscena sulla rivista trimestrale del Foglio Letterario.

Strinati è uno studioso dell’olismo,della patafisica, della poesia visiva, sonora, elettronica e concreta.

Condividi questo articolo
  •  
  •   
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − uno =