Gli arbitri sensibili e di cuore.

Se pensavate che non ne esistessero, vi sbagliavate. In Italia gli arbitri di cuore e con una spiccata sensibilità, esistono ed entrano in scena su richiesta; ma per una sola squadra!

Così Valeri è sensibile e di cuore quando chiama Orsato al VAR per fargli cambiare una decisione già presa su Vecino; ed è altrettanto di cuore lo stesso Orsato quando, sensibilmente, evita il secondo giallo a Pjanic o il rosso a Barzagli. Insomma ci vorrebbero sempre arbitri così; però badate bene che hanno un costo. E Chiellini lo sa bene, perché conosce anche quanto ha pagato il Real Madrid per assicurarsi l’insensibilità, stavolta, di Oliver al 90’.

E poi ci sono i complimenti per il buon operato e le rassicurazioni sull’esito della partita. Insomma tutto come doveva andare con buona pace dei bidoni di immondizia che non trovano posto nel petto dei “soliti sospetti” della classe arbitrale italiana.

Voglio però spendere un grande ringraziamento ai ragazzi e a mister Sarri per aver tenuto, e tutto sommato tenere ancora, in vita questo campionato, falsato di nuovo dai soliti noti.

Il Napoli più di così non poteva fare viste le premesse ad inizio stagione, visto gli infortuni pesanti, visto il budget per “forza di cose” limitato. Grazie, grazie davvero. Meritate il nostro affetto di tifosi, il nostro riconoscimento e quello di una città intera che ha già vinto nonostante il pensiero dominante, nonostante i cori razzisti dei fiorentini che hanno risposto alla deposizione dei fiori per Astori, e che si sono uniti degnamente a rappresentare il livello culturale del tifo centro-nordico. Barbari, vandali, razzisti e indegni: non ho altri aggettivi per definire quella gentaglia e se ce ne fossero considerateli pure riportati qui!

Una preghiera alla società e al Presidente De Laurentiis: non lasciamo che resti solo un sogno…rendiamolo possibile, rendiamolo vero! Il calcio italiano non può e non deve essere quello visto sabato sera: io sto con Chiariello quando afferma di esserne stanco!

d.A.P.

Condividi questo articolo
  •  
  •   
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × cinque =