L’unità in musica.

Non si può trascurare un aspetto fondamentale della nostra cultura: la musica come espressione della coscienza popolare. Vi propongo “Italiella”, canzone popolare napoletana anonima del 1868 (sette anni dopo la conquista) che probabilmente in quell’anno accompagnava un carro carnevalesco, ma che esprime tutto il disagio e la rabbia del popolo, mascherate in un testo pieno di sarcasmo e sottile ironia.  L’Italia viene, infatti, rappresentata come una donna con pretese da gran signora , ma che in realtà si può permettere tutti i suoi capricci, compreso il cappello papale (Roma verrà presa solo due anni dopo, il 20 settembre) solo perché il popolo del Regno delle Due Sicilie è soggetto ad una tassazione iniqua che drena tutte le sue ricchezze, nell’indifferenza totale a del nuovo sovrano (“pavammo nuie da sotto/ e Manuele se ne fotte”). La storia viene irrisa attraverso una serie di riferimenti piuttosto espliciti alle mogli dei protagonisti della grande rapina al Sud. L’interpretazione che ascolterete è affidata alla Nuova Compagnia di Canto Popolare e il brano è inserito nell’album “11 mesi e 29 giorni” del 1977.

In calce potete leggere il testo.

Buon ascolto

d.A.P.

O Italiella,o Italià.
‘Mmiez”e cosce d’a frescura
llà se ferma ‘o nainanà,
‘a bannera ‘e tre culure mò ce ha dato ‘a libbertà…
O Italiella,o Italià.
T’he fatto la vunnella talià,
te l’è fatta de tre culure,
e nuje simmo rimaste annure
comme ce ha fatto mamma,
scauze annure e muorte ‘e famma.
O Italiella,o Italià.
‘A mugliera ‘e Garibaldi
vend ‘a ‘nzogna e accatt”o lardo,
‘a mugliera e Carlo Alberto
tene sempe ‘a cascia aperta,
‘a mugliera ‘e Napulione
sape fà ‘nu cuppulone,
‘a mugliera ‘e Manuele
vasa ‘o pesce ‘e san Rafele.
O Italiella,o Italià.
T’he fatto la carrozza talià,
t’he l’è fatta bella mia
‘nzuoccolo ‘nzuoccolo pe’ la via,
pe’ la via te la purtammo,
e nuie da sotto la carriammo.
O Italiella,o Italià.
‘Mmiez”e cosce d’a frescura
là se ferma ‘o nainanà,
‘a bannera ‘e tre culure mò ce ha dato ‘a libbertà…
‘A mugliera ‘e Garibaldi
vend ‘a ‘nzogna e accatt”o lardo,
‘a mugliera ‘e Napulione
sape fà nu cuppulone,
e s”o ffà matin’e sera,
e le pror”a tabacchera…
O Italiella,o Italià.
T’he fatto lu stivale talià,
te l’he fatto bello e pronto
‘ncoppa ce stà Turino ca conta
‘ncoppa Turino conta
e nuie simmo lu tacco ‘e ponta.
O Italiella,o Italià.
‘A mugliera e Carlo Alberto
tene sempe ‘a cascia aperta,
‘Mmiez”e cosce d’a frescura
là se ferma ‘o nainanà,
‘a bannera ‘e tre culure mò ce ha dato ‘a libbertà…
O Italiella,o Italià.
T’he fatto la pettenessa talià,
te l’he fatta cu li turnese
ca pigliaieno ‘a ‘stu paese,
pò ce dettero pe’ surpresa
la muneta cartaginesa…
O Italiella,o Italià.
‘Mmiez”e cosce d’a frescura
là se ferma ‘o nainanà,
‘a bannera ‘e tre culure mò ce ha dato ‘a libbertà…
‘A mugliera ‘e Garibaldi
vend ‘a ‘nzogna e accatt”o lardo,
‘a mugliera e Carlo Alberto
tene sempe ‘a cascia aperta,
‘a mugliera ‘e Napulione
sape fà ‘nu cuppulone,
e s”o ffà matin’e sera,
e le pror”a tabacchera…
O Italiella,o Italià.
T’he fatto lu cursetto talià,
te l’he fatto cu la credenza
‘stu cursetto de Firenze,
Firenze è capitale
e Turino se n’have a male.
O Italiella,o Italià.
‘A mugliera ‘e Ferdinando
s’ha cuseva ‘na mutanda,
‘a mugliera ‘e re Vittorio
fà ‘nu pireto e scioglie ‘a gloria……
‘A mugliera e Carlo Alberto
tene sempe ‘a cascia aperta,
‘A mugliera ‘e Garibaldi
vend ‘a ‘nzogna e accatt”o lardo,
O Italiella,o Italià.
Te vuò fà nu cappiello talià,
lu cappiello bene mio t’è venuto ‘stu vulìo,
lu vuò levà’ a lu Papa
e già te lu sì miso ‘ncapa.
O Italiella,o Italià.
‘A mugliera e Carlo Alberto
tene sempe ‘a cascia aperta,
‘a mugliera ‘e Manuele
vasa ‘o pesce ‘e san Rafele.
‘A mugliera ‘e Ferdinando
s’ha cuseva ‘na mutanda,
‘a mugliera ‘e re Vittorio
fà ‘nu pireto e scioglie ‘a gloria…..
O Italiella,o Italià.
T’he fatto li cazette talià,
te l’he fatte de seta ‘ngrese
e nuie avimmo fatto li spese,
pavammo nuie da sotto
e Manuele se ne fotte.
O Italiella,o Italià.
T’he fatto la vunnella talià,
t’he fatto la carrozza talià,
t’he fatto lu stivale talià,
t’he fatto la pettenessa talià,
t’he fatto lu cursetto talià,
t’he fatto lu cappiello talià,
t’he fatto li cazette talià,
t’he fatto la bannera talià,
la bannera de tre culure,
e nuje simmo rimaste annure
comme ce ha fatto mamma,
scauze annure e muorte ‘e famma.
O Italiella,o Italià
‘Mmiez”e cosce d’a frescura
llà se ferma ‘o nainanà,
‘a bannera ‘e tre culure
mò ce ha dato ‘a libbertà.
‘A mugliera ‘e Garibaldi
vend ‘a ‘nzogna e accatt”o lardo,
‘a mugliera e Carlo Alberto
tene sempe ‘a cascia aperta,
‘a mugliera ‘e Napulione
sape fà nu cuppulone,
e s”o ffà matin’e sera,
e le pror”a tabacchera,
‘a mugliera ‘e Manuele
vasa ‘o pesce ‘e san Rafele,
‘a mugliera ‘e Ferdinando
s’ha cuseva ‘na mutanda,
‘a mugliera ‘e re Vittorio
fà ‘nu pireto e scioglie ‘a gloria.
‘A mugliera ‘e Franceschiello
le piaceva ‘o rafaniello,
s”o munnava chianu chianu
cu ddoje dete e cu na mano.
O Italiella, o Italià…

Condividi questo articolo
  •  
  •   
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + tredici =